Cultura e Intrattenimento

IL REGNO DI AGARTHA

IL REGNO DI AGARTHA

L’idea dell’esistenza di un mondo sotterraneo non è nuova. Molte sono le culture antiche che hanno trasmesso questa credenza e molti sono gli scritti in relazione a questo misterioso mondo sotterraneo.

Le leggende indù sono una di queste, un mondo interiore parlano di ingressi situati in Himalaya, dove presumibilmente abitano creature straordinarie come draghi e giganti.

IL REGNO DI AGARTHA

Ma ce ne sono altri che parlano di luoghi meno piacevoli ed esuberanti, come l’esistenza di inferni sotterranei, i cosiddetti Patala, al mondo o regno di Agharta, presumibilmente situati al di sotto del deserto del Gobi, una vasta area compresa tra la pianura del nord della Cina e la Mongolia meridionale, circondata dai monti Altai, dalle steppe mongole e dall’altopiano tibetano.

Questo mito che risale allo scritto di Athanasius Kircher pubblicato nel 1665 ” Mundus subterraneus, quo universae denique naturae divitiae “. E che pochi anni dopo, come abbiamo accennato prima, Edmund Halley lo propose nella sua particolare teoria scientifica nel 1692.

Gli ingressi alle gallerie che conducono al Regno di Agartha sarebbero nascosti in luoghi isolati ed in incognito, sotto le acque degli oceani o tra le ripide montagne. Alcuni però sono “conosciuti” e protetti dai loro guardiani , come quelli che si trovano nella giungla amazzonica . Gli indiani Macuxi sono i loro antenati guardiani.

IL REGNO DI AGARTHA

Gli altri ingressi sarebbero in Siberia, Russia, nel deserto del Gobi , tra le gambe della Sfinge di Giza , Egitto, nella Cueva de los Tayos , situata nella Cordillera del Condor in Ecuador, il cui accesso principale alla grotta è un tunnel verticale chiamato Camino. Una bocca larga 2 me lunga 15,6 m e profonda circa 63 m. E l’altro sarebbe nella catena dell’Himalaya in Tibet, e nella Cordillera de los Andes.

I MACUXI : I GUARDIANI DEL MONDO SOTTERRANEO

IL REGNO DI AGARTHA

I Macuxi si considerano guardiani dell’ingresso in un mondo interno. Dicono che questo mondo sotterraneo sia abitato da giganti e da molta vegetazione.

Gli indiani Macuxi sono indigeni che vivono in Amazzonia (dove si troverebbe uno degli ingressi), in particolare nel nord del Brasile. Secondo la leggenda, i Macuxi sono i discendenti dei figli del sole, il creatore del fuoco. E vengono proclamati i protettori della terra interna.

IL REGNO DI AGARTHA

Le loro leggende sono state tramandate oralmente per generazioni. Parlano di un ingresso sulla superficie della terra in un mondo interiore, che chiamano “l’ altra parte del mondo “.

La leggenda narra che i Macuxi trovarono una caverna ed entrarono al suo interno. Dopo 13 o 15 giorni attraversando varie gallerie e cunicoli raggiunsero la parte più profonda. Quello che trovarono fu qualcosa di sorprendente e straordinario, un ” mondo sotterraneo”.

Avanzarono attraverso quell’eccezionale mondo per altri 3 giorni finché non trovarono alcune grandi pietre a gradini, i cui scalinimisuravano più di 80 cm di altezza. Poi arrivarono ad una grotta gigantesca, la cui cavità si estendeva per miglia e miglia. Quattro sfere delle dimensioni di un’anguria erano sospese nell’atmosfera ed irradiavano una luce con una tale intensità che ferivano gli occhi ci guardavi attentamente. Brillavano come il sole ed è per questo che vennero chiamati i 4 soli .

Lasciarono le torce alle spalle e camminarono lungo il sentiero illuminato dal sole. Dopo 4 o 5 giorni di viaggio, persero peso e massa corporea, il che permise loro di muoversi più velocemente. Giunsero poi ad altre caverne di dimensioni formidabili, così enormi che non si vedevano i soffitti.

Dopo 6 o 7 giorni di cammino, raggiunsero un’enorme, gigantesca caverna . La sua imponente e titanica apertura era colossale. Era coperta da una grande vegetazione, piante e alberi da frutto, di cui riconobbero i frutti, ma quasi 4 volte più grandi del normale. Avevano trovato un paradiso sotterraneo pieno di abbondanza ed esuberanza.

IL REGNO DI AGARTHA

Ma i Macuxi lasciarono un avvertimento, alcuni luoghi dove passarono erano estremamente pericolosi ed andrebbero evitati (se mai qualcuno ci volesse andare per le vacanze dico), come i torrenti bollenti. Ed anche alcuni passaggi, la cui “aria misteriosa” può far galleggiare e persino volare, forse per l’assenza o la diminuzione della gravità in certi punti, secondo una teoria scientifica.

Proseguendo il viaggio, giunsero in una terra abitata da una tribù di giganti che misuravano più di 4 metri di altezza. Furono accolti con ospitalità ed apprezzarono il loro cibo abbondante. Grandi mele come teste, uva come pugni, tutti i tipi di succulente prelibatezze offerte da quella terra straordinaria. In seguito i Macuxi decisero che era ora di tornare, ma i giganti inizialmente si rifiutarono di lasciarli andare, timorosi che avrebbero rivelato la posizione del loro paradiso a lungo nascosto. Ma poi si sono messi d’accordo. In cambio della loro libertà di tornare in superficie, i Macuxi si impegnano a sorvegliare gli ingressi delle grotte ed a non consentire l’ ingresso a nessun estraneo. Dopo aver giurato una tale promessa , i Macuxi tornarono nel mondo esterno.

IL REGNO DI AGARTHA

Nel 1907 esploratori inglesi inseguendo la leggenda degli immensi tesori che presumibilmente esistevano nella giungla amazzonica (El Dorado, in particolare), arrivarono ad avere contatti con gli indiani Macuxi. La leggenda narra che un membro della Macuxi tribù violò l’ accordo, ed informò gli esploratori inglesi della grotta e dell’ingresso. Gli esploratori inglesi entrarono ma non tornarono, e non si ebbero mai più notizie. Per questo tradimento i giganti punirono i Macuxi, vietando loro di tornare in quella terra paradisiaca. Tuttavia, anni dopo fu permesso loro di entrare, ma a condizione che chiunque fosse entrato non tornasse mai più in superficie.

Coloro a cui era stato permesso di tornare dopo l’ultimo avvertimento tornarono più forti e più saggi, diventando così in seguito i capi della tribù dei Macuxi, i guardiani del mondo interiore.

LA LEGGENDA DELL’AMMIRAGLIO RICHARD EVELIN BYRD

Fonte

L’ armata degli Stati Uniti, fece una spedizione al Polo Nord sotto il comando dell’ammiraglio Richard Byrd Evelin. Il 19 febbraio 1947, lasua spedizione scoprì un accesso alla ” Terra Cava” . Lo stesso ammiraglio entrò al suo interno attraverso un passaggio. All’interno il paesaggio era privo di ghiaccio e freddo, con montagne, laghi, fiumi e abbondante vegetazione. Una vasta distesa di vegetazione lussureggiante, montagne, laghi e fiumi si estendeva davanti al suo sguardo perplesso. Ed era anche abitato da strane creature, una delle quali simile all’antenato del mammut.

Una storia molto bella ed interessante, vero? Se non fosse che l’ammiraglio Byrd a quel tempo era proprio al polo opposto del pianeta.

IL REGNO DI AGARTHA UNA SFIDA ALLA NATURA

IL REGNO DI AGARTHA

In ogni caso, diciamo la spiacevole verità, l’esistenza del regno di Agartha è difficile da credere se si considerano le conoscenze scientifiche che oggi abbiamo sulla geologia, la fisica e la biologia.

La pressione e la temperatura sono diverse in superficie che in profondità. In generale, la profondità massima alla quale è possibile la vita generica è di circa 1 km. Da quella profondità, le condizioni ambientali cambiano e la sopravvivenza diventa sempre più difficile.

IL REGNO DI AGARTHA

La crosta terrestre ha uno spessore variabile da 5 a 35 km, la sua temperatura varia da 15º-20º C in superficie a 800º-1000º C nella zona di contatto con il mantello. Il calore interno è prodotto dalla fusione del nucleo e del materiale radioattivo. Il calore è mantenuto dalla bassa conduttività termica della maggior parte delle rocce crostali e dalla loro elevata opacità. In questa generalità bisogna tener conto che il calore varia da una zona all’altra dell’interno secondo la capacità di scambio termico che esiste tra i minerali ed i flussi dicalore in movimento.

Quando c’è attività sismica ci sono flussi dicalore anomali e ciò significa che in luoghi con 15º-30º C ogni 100 metri, a profondità da 1,5 a 2 km si possono trovare temperature di 200º-300º C ed altri con un valore medio di 3º C ciascuno 100 metri, a una profondità di 2-3 km ci sono 60º-90ºC.

Affinché esista vita sono necessarie alcune condizioni ambientali determinati in temperatura, l’ acqua e luce, il secondo per produrre materia organica (fotosintesi). Eccezionalmente, la materia organica può essere prodotta senza luce attraverso un processo chiamato chemiosintesi da materia inorganica, generalmente anidride carbonica, come fanno alcuni batteri.

Il limite minimo di profondità per l’esistenza della vita dipende dalle condizioni, può variare da decine di cm ad oltre 1500 m. È il caso dei batteri trovati a 1600 m sotto il fondale oceanico del Mar del Giappone ed a Sima Krubera nel Caucaso a 2000 metri diprofondità.

Tuttavia , ci sono due zone dove non producendo nulla di organico (o fotosintesi o chemiosintesi) c’è fauna selvatica. Sono alcuni luoghi sotterranei e fondali marini.

In questi luoghi la materia organica necessaria per la sussistenza proviene da altri ecosistemi vicini. Nei luoghi sotterranei l’apporto di nutrienti così come l’ ossigeno viene trasportato attraverso l’ acqua filtrata dalla superficie e depositato nelle falde acquifere.

La scarsità di cibo e luce fa del risparmio energetico e dell’adattamento la chiave della sopravvivenza. Qui possiamo trovare minuscoli invertebrati e crostacei senza pigmenti e senza occhi. Anche la mancanza di luce ha portato al miglioramento degli altri sensi.

VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA

IL REGNO DI AGARTHA

Immaginiamo per un attimo di entrare da uno degli ingressi che portano al mondo sotterraneo di Agartha. Ricorda che dal primo km fino ad ogni km più profondo la temperatura aumenterà in media tra i 25 ei 30 gradi Celsius in condizioni normali.

Man mano che andiamo, la probabilità che troveremo fonti d’ acqua sotterranee diminuisce ed il cibo o la materia organica trasportata ed introdotta attraverso l’acqua filtrata comincerebbe a scarseggiare. La possibilità di trovare piante verdi è nulla poiché hanno bisogno della luce solare per effettuare la fotosintesi e gli animali che troveremmo (crostacei di millimetri che ottengono dall’acqua l’ossigeno di cui hanno bisogno per sopravvivere) sarebbero insufficienti per poterci nutrire e mantenerci vivi, avremmo molte provviste, ma quando si esauriscono…

IL REGNO DI AGARTHA

Ma quella non sarebbe la difficoltà più grande per sopravvivere. Andando avanti la pressione aumenterebbe, ma soprattutto non ci sarebbe ossigeno. Senza una fonte che fornisse ossigeno attraverso tubi o bombole, non potremmo respirare.

Quando arriviamo, se arriviamo, a 2 km sottoterra, la temperatura media in condizioni normali sarebbe compresa tra 50º e 60º C. Avremmo 10 minuti di vita prima di morire, di una morte non molto simpatica aggiungerei. Ma per ora potremmo ancora salvarci se indossiamo tute speciali che ci isolino e ci proteggano.

Tuttavia a queste profondità in alcune zone c’è ancora vita. Ma non sono né piante né animali giganti simili a dinosauri. Sono i cosiddetti Estremofili ingrado di resistere a condizioni ambientali estreme di pressione, temperatura, acidità, aridità, concentrazione di metalli e radiazioni.

È certamente una fauna diversificata, un ecosistema complesso e sottosviluppato, generalmente composto da microbi , batteri e virus, come Bacillus infernus che vive a 2.700 m, Desulforudis audaxviator trovato tra 1.500 m e 2.800 m di profondità in una miniera d’oro nel bacino di Witwatersand , Sud Africa o il Pyrococcus furiosus che vive in sorgenti termali sottomarine a più di 100ºC.

Da una profondità di 5 km la temperatura sale a 150º C, senza contare la pressione, la mancanza di ossigeno, acqua, nutrimento, luce, la vita come sappiamo non sarebbe possibile. A meno che non ci sia qualcosa di soprannaturale (come una sfera luminosa) che possa alterare le normali leggi della natura. Ma dicono che è una leggenda…la cosa è, ci crediamo?

TI È SEMBRATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDI CON NOI LA TUA OPINIONE NELLA SEZIONE COMMENTI!


    IL REGNO DI AGARTHA IL REGNO DI AGARTHA IL REGNO DI AGARTHA IL REGNO DI AGARTHA IL REGNO DI AGARTHA

    error: Content is protected !!