Cultura e Intrattenimento

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

IL GRAAL E LA PIETRA FILOSOFALE

Alcuni autori l’hanno definita come la pietra filosofale degli alchimisti. Ed è che alla coppa sono attribuiti gli stessi poteri della pietra leggendaria, quello di convertire i metalli vili in altri di maggior valore, come il piombo, in oro o argento. Quindi è stato ed è ancora un oggetto largamente ambito e desiderato.

La coppa avrebbe il potere di trasmutare ilsuo contenuto in un altro. La sua analogia in questo senso con il rito cristiano dell’Eucaristia è chiara, e sebbene su questo legame ancestrale esista tutta una leggenda, ora ci limiteremo a commentare solo su questo.

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

Ecco perché il cristianesimo approfittò di questa consonanza, adottando la coppa come oggetto venerabile e sacro, forse anche con poteri soprannaturali acquisiti per contatto, perché Gesù trasmutò per la prima volta il vino nel suo sangue nell’Ultima Cena.

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

Tuttavia, già alle nozze di Cana Gesù aveva trasmutato in vino sei giare di pietra da circa cento litri d’ acqua ciascuna, oltre che in vino di “buona qualità”, non quello delle fiere di paese, ma nessuno ricorda o cerca quelle povere giare di pietra, che anch’esse avevano fatto del loro.

GLI STRAORDINARI POTERI DEL SANTO GRAAL

Le leggende sul Santo Graal conferiscono vari poteri a questo straordinario oggetto. Uno dei più ambiti è quello di ringiovanire, come elisir di eterna giovinezza, di moltiplicare il cibo e renderlo più squisito, di ridare speranza a chi è desolato ed abbattuto, di guarire chi è vicino alla morte e anche quello di ridare vita ai morti. Un elisir di lunga vita, e quindi concede l’ immortalità anche a chi ci beve.

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

Oggi il Santo Graal dell’Ultima Cena fa parte della mitologia cristiana medievale, sebbene manchi diriferimenti specifici nei testi biblici , ci sono leggende molto interessanti.

In effetti, il mito del Santo Graal era inizialmente formato da riferimenti precristiani a contenitori magici principalmente di tradizione celtica, come i calderoni magici. Similmente alla cornucopia greca, questi vasi offrivano benefici straordinari, come l’eterna giovinezza, la guarigione, l’abbondanza ed il dono dell’immortalità.

Sebbene la cultura celtica oggi continui ad essere legata generalmente solo alle odierne nazioni nordeuropee, in realtà il suo insediamento più antico è stato ritrovato nell’Europa centrale , precisamente nelle Alpi svizzere e austriache . Lo raccontiamo nel nostro articolo “Svizzera e Austria origine della cultura celtica”.

IL METODO PER OTTENERE L’ELISIR MAGICO

Il Santo Graal non è sempre stato considerato una coppa. Si pensa anche che sia una pietra o uno stato mistico concettuale ed intangibile. Quindi il modo per acquisire i benefici che distilla sarebbe diverso a seconda della forma in cui si presenta.

Se consideriamo che si tratta di un bicchiere, è evidente che sarebbe il liquido introdotto al suo interno ad assorbire per contatto tutti quei magici nutrienti che poi, una volta bevuti, agirebbero all’interno del corpo. Concedendo ringiovanimento della pelle, guarigione degli organi, sollievo psicologico se siamo depressi o desolati, e ci darebbe anche lo stato di immortalità . Quindi il percolato risultante sarebbe l’ elisir magico.

Lo stesso metodo di percolazione che useremmo se fosse una pietra. Ma questa volta immergeremmo la pietra nel liquido che vogliamo che diventi un elisir, o semplicemente lasceremmo che il liquido vi goccioli sopra. Con entrambi i procedimenti otterremmo un’ambrosia ricca di magia.

Sappiamo che attraverso il processo di percolazione un fluido che attraversa un solido trascina una grande quantità di composti appartenenti al solido, quindi sarebbe logico pensare che il fluido risultante abbia acquisito per contatto lecomponenti magiche e benefiche, in questo caso. Con lo stesso ragionamento si capisce che funziona quando viene messo in modalità di trasmutazione dei minerali. I componenti di entrambi sono misti e si verifica la magia.

È lo stesso sistema della pietra filosofale.

Ed è che secondo gli alchimisti, la pietra filosofale aveva il potere di trasmutare le sostanze con cui viene a contatto, esistono varie ricette per “crearla” . Come l’ alkaheste di Paracelso, che era un ipotetico solvente universale, capace di dissolvere tutti i metalli, anche un pezzo di pietra filosofale poteva dissolversi e fondersi con gli altri minerali creando un altro composto diverso, generalmente cercando di generare oro.

Tuttavia, il potere dissolvente dell’alkaheste andava oltre. Era capace di ridurre tutti i materiali, i corpi e persino le anime di tutte le cose al loro stato più elementare e primitivo, alla loro materia originale o etere da cui erano state formate nella loro genesi.

Era quindi formidabile, ma la pietra aveva anche un vantaggio in più che l’irraggiungibile e chimerico alkaheste non possedeva, poteva essere creata da chiunque, e questo la rendeva accessibile a tutti. Aveva due varianti, una bianca per trasmutare in argento e l’altra rossa per generare oro . La sostanza base di cui era composto era la stessa, la pirite di ferro ( disolfuro di ferro o FeS₂). Poteva avere diverse sfumature di rosso, come l’arancio zafferano, anche un po’ viola, e trasparente come il vetro. La pietra era più pesante dell’oro ed era solubile in tutti i liquidi, ma non era combustibile al fuoco.

Il metodo per crearlo era complesso e le ricette nascondevano sempre qualche ingrediente segreto difficile da intuire. Il processo suddiviso in fasi o passaggi èstato chiamato la Grande Opera (Opus Magnum) . La pietra subiva diversi cambiamenti di colore , inquanto passava da molti stati provocati da reazioni chimiche avvenute, fino a trasformarsi alla fine della creazione in pietra filosofale.

USI DELLA PIETRA FILOSOFALE

COME ELISIR DI VITA

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

Se quello che si voleva ottenere era un elisir di lunga vita, la pietra veniva lasciata in ammollo in un liquido. Dopo un po’ si beveva l’ infuso o percolato risultante . Tuttavia, non era privo di effetti collaterali negativi, anche se temporanei. Prima di ottenere i magici risultati benefici, cadrebbero tutti i peli del corpo, ed anche le unghie. Allora emergerebbe il corpo desiderato, sano , forte e giovane . L’elisir avrebbe curato tutte le malattie, e se fosse stato ingerito abbastanza liquido non solo avrebbe prolungato la vita , ma avrebbe potuto renderlo imperituro. Non sarebbe più necessario nutrirsi per sopravvivere, quindi il cibo sarebbe un “optional” che verrebbe ingerito solo per puro piacere . Perché da quel momento in poi la persona sarebbe stata immortale .

TRASMUTA I MINERALI

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

L’altro uso era quello di trasmutare imetalli in oro ed argento, semplici cristalli in pietre preziose e diamanti . Era in grado di trasmutare il vetro fragile, in vetro flessibile e malleabile.

CREARE LUCE PERPETUA

La pietra poteva creare fiamme perpetue o fuochi che brillavano di luce ardente senza mai consumarsi.

PER DARE VITA ALLE PIANTE

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

Il suo straordinario potere poteva riattivare lavita nelle piante e far tornare verde e fiorita una pianta secca e morta.

CREARE UN OMUNCOLO O HOMUNCULUS

Se quanto sopra non ti ha ancora sorpreso, questo lo farà sicuramente. La pietra potrebbe creare un minuscolo uomo , un clone o un ibrido, chiamato arcanum o homunculus come Paracelso chiamò la sua prima creatura creata.

Pare che Paracelso l’abbia creato per caso , un “errore” mentre sperimentava con una pietra filosofale. Come i golem o Adamo (creato dall’argilla) era una creatura creata dalla materia inanimata. Era alto meno di 12 pollici, una specie nomo o ” lillipuziana” , forte, lento e un po’ sciocco. Ma la cosa peggiore è che a volte poteva essere sleale e rivoltarsi contro il suo creatore, e per questo scappavano spesso.

LE BIZZARRE VARIANTI DELL’HOMONUNCULUS

C’erano alcune varianti piuttosto inquietanti per la creazione di esseri viventi dalla materia inanimata.

Uno dei più popolari era la variante in cui viene utilizzata la mandragora. Secondo la leggenda originale, per creare un homunculus di mandragora, la peculiare pianta sembrava crescere solo sul terreno dove era caduto il seme emesso nelle ultime convulsioni degli impiccati prima di morire.

IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

Le radici biforcute sembrano simili ad un essere umano. È una pianta altamente tossica e se ingerita può causare deliri, coma e persino la morte. In alcune varietà la tossicità agisce anche per contatto, attraverso la cute al solo contatto provocando vertigini, bradicardia e distress respiratorio. Nonostante la sua pericolosità, il grande potere allucinogeno dei suoi alcaloidi èstato utilizzato fin dall’antichità dalle streghe nei rituali e per creare pozioni ed unguenti, poiché a piccole dosi agisce anche come afrodisiaco, analgesico e sedativo.

La creatura vivente generata nelle radici della mandragora doveva essere dissotterrata prima dell’alba diun venerdì mattina, da un cane preferibilmente nero e mai da una persona, poiché la radice al momento di essere estratta dalla terra emetteva un orribile stridio capace di uccidere chiunque avesse osato farlo. Ecco perché questo compito era riservato ad un cane sfortunato. A cui era legato con una fune alla pianta, e quando veniva fatto venire di corsa la tirava e la strappava. Il cane moriva, forse perché lo mordeva e si intossicava. Poi doveva essere lavato e nutrito con latte e miele. Anche se c’era la possibilità di nutrirla con sangue se volevamo che il suo carattere fosse “diverso”. Il compito della creatura era proteggere ilsuo creatore e proprietario.

Un altro metodo per generare una minuscola creatura era quello dell’uovo di gallina nera . Un piccolo foro doveva essere fatto nel guscio in cui una piccola porzione del bianco veniva sostituito da spermatozoi umani . L’apertura veniva sigillata con un pezzo di pergamena vergine e l’uovo fu seppellito sotto uno strato di letame. Il giorno della sepoltura doveva essere il primo giorno del ciclo lunare di marzo. Dopo 30 giorni dall’uovo si schiudeva un piccolo umanoide che avrebbe aiutato nelle faccende domestiche e protetto il suo creatore. Questa creatura veniva nutrita con una dieta composta da fiori di lavanda e vermi freschi.

Vi lascio qui un video della versione aggiornata dell’uovo in tempi moderni…

E ce n’erano altri con le fave, ma ve ne parleremo nel nostro articolo “Le fave e la loro origine impura” (8° parte “La lista nera delle piante proibite”).

IL POTERE METAFORICO DEL SANTO GRAAL

La terza opzione menzionata del Santo Graal è che era solo un concetto mistico concettuale, e non proprio un oggetto fisico (coppa o pietra).

Un potere simile aveva anche la famosa a qua vitae, o acqua della vita. Una soluzione acquosa a base di etanolo. Veniva generata attraverso la distillazione del vino o spirito di vino . Le sue varianti più conosciute sono il brandy e gli spiriti fruttati, i normali liquori di sempre. Tuttavia, per l’alchimia era un percolato risultante dalla Grande Opera, dalla pietra della trasmutazione conosciuta come la pietra filosofale.

A questa acqua vitae veniva attribuita la proprietà di trasmutare uomo di piombo ” in ” uomo d’oro ” o filosofico (forse perché dopo averla bevuta in abbondanza si avventuravano in infiniti dilemmi trascendentali). L’elisir di acqua di vita donava anche perenne giovinezza e freschezza con un bel colore rosato alle guance.

Ma ottenere il mistico Santo Graal è molto di più. Si raggiungeva la conoscenza totale della quintessenza, i fondamenti della vita cosmica . Il che garantirebbe la capacità di trascendere a un livello superiore dal quale comprenderemmo la verità assoluta.

Nel buddismo e nell’induismo c’è qualcosa di simile al mistico Graal, è il chintamani, il mitico gioiello del pensiero. Una delle quattro reliquie o tesori che secondo la leggenda cadevano dal cielo all’interno di uno scrigno. È rappresentato come una pietra filosofale, una perla luminosa accanto ad Avalokiteshvara, un bodhisattva o buddha (che ha raggiunto l’illuminazione spirituale) capace di esaudire desideri e saggezza. E simboleggia metaforicamente un potere soprannaturale, un’energia spirituale.

Come se non bastasse, il “mistico” Graal concede anche poteri magici con utilità più terrene e materiali (simili a quelle della coppa o della pietra) capaci di fare “miracoli” come curare malattie e ferite, moltiplicare il cibo, ecc. Quindi, se hai intenzione di trovare il vero Santo Graal, perché probabilmente è ancora nascosto da qualche parte, questo sarebbe il più consigliato. Ti renderebbe invincibile!

TI È SEMBRATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDI CON NOI LA TUA OPINIONE NELLA SEZIONE COMMENTI!


    IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL IL POTERE ALCHIMISTA DEL SANTO GRAAL

    error: Content is protected !!