Rapporti Umani e Psicologia

L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO

L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO

Se c’è un desiderio universale tra tutti gli esseri umani, è quello di essere felici, oltre a desiderare grandi somme di denaro e fama, diranno alcuni. Ma questi ultimi sono coloro che non sanno cosa conta davvero nella vita.

Matthieu Ricard loha capito benissimo, non per niente porta il titolo (per me il più sublime che si possa desiderare) di “uomo più felice della Terra” . Ed il suo “trucco” sembra facile ed è “non attaccarsi alle cose e fare del bene agli altri” .

Figlio del famoso filosofo francese Jean-François Revel e dell’artista Yahne Le Toumelin, ha conseguito il dottorato in genetica cellulare presso l’Istituto Pasteur. In seguito ha deciso di ritirarsi come monaco buddista verso una vita di contemplazione ed altruismo praticando il buddismo tibetano in Himalaya dove ha vissuto per più di 40 anni.

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

Oggi ha 75 anni ed è anche oltre a monaco buddista, autore, fotografo e traduttore. Ha inoltre reso molti contributi scientifici in qualità di membro dell’Istituto Mind and Life ed è anche interprete in francese per il 14 ° Dalai Lama Tenzin Gyatso. Inoltre dona tutti i suoi profitti (libri, fotografie ed eventi) per l’ associazione umanitaria da lui fondata circa 20 anni fa, Karuna-Shechen , che sviluppa più di 250 progetti umanitari, educativi, sanitari e sociali rivolti alle popolazioni più bisognose in India, Nepal e Tibet, assistendo oltre 300.000 persone.

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

È stato un allievo del maestro Dangyur Rinpoche, con il quale ha imparato gli insegnamenti ancestrali dell’antica scuola e tradizione buddhista Nyingma (a differenza di altre scuole del buddismo tibetano, non hanno un lignaggio leader o gerarca ufficiale , ma un rappresentante per gli eventi ) . Più tardi sarebbe diventato un discepolo intimo di Dilgo Khyentse Rinpoche . Oggi risiede nel monastero di Shechen Tennyi Dargyeling in Nepal.

UN RECORD DIFFICILE DA SUPERARE

Forse qualcuno si sente in grado di sfidare questo peculiare titolo di “uomo più felice del mondo” , ma sebbene sembri semplice , sospetto anche che richieda molta formazione, studio e volontà . Perlomeno io mi accontenterò per il momento di essere un allievo inesperto ed umile disposto ad ascoltare con attenzione ed imparare.

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

Il nostro insegnante eccezionale in questo articolo, Matthieu Ricard, ha prestato il suo cervello per uno studio neuroscientifico presso il Waisman Center dell’ Università del Wisconsin-Madison nel mese di giugno dal 2008.

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

L’esperimento consisteva nel registrare l’ attività cerebrale nelle aree associate ad emozioni positive ed osservare se fossero stati rilevati livelli di stress, irritabilità, rabbia, piacere o soddisfazione. Per fare questo, hanno posizionato una rete di sensori geodetici di 128 canali sui crani dei volontari e hanno eseguito una risonanza magnetica nucleare fMRI con la quale hanno catturato immagini dell’attività cerebrale.

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

La scala va da + 0,3 (livello infelice ) a – 0,3 (quest’ultimo considerato uno stato di massima beatitudine). Matthieu Ricard haottenuto risultati di – 0,45 , il livello più alto mai raggiunto prima da nessun altro essere umano. Ha raggiunto il più alto livello di attività nella corteccia prefrontale sinistra, che è associata alle emozioni positive.

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

Succede che nelle neuroscienze, quando si genera un certo stato d’animo che può non essere felicità ma compassione o gentilezza amorevole , si inneschino onde cerebrali che nel mio caso erano di un’ampiezza che non era mai stata registrata nelle neuroscienze. Ma non si tratta solo di me, può capitare a chiunque abbia meditato per tanti anni ed abbia fatto tra le 20 e le 50mila ore di meditazione “.

FELICITÀ: UN’UTOPIA IRRAGGIUNGIBILE?

Ilmessaggio di Matthieu Ricard è chiaro ed ineludibile: è possibile essere felici . Ma richiede tenacia, qualcosa per cui non tutti sono disposti a tendere, perché sembra più comodo e meno faticoso stare nella nostra zona di comfort familiare ed abituale, e stabilircisi.

Gli intellettuali parigini non amano molto la felicità. Ma poi il pubblico dice: “È sbagliato, vogliamo essere felici!” (ride) Chi si alza la mattina e dice “Voglio soffrire tutto il giorno”? Fondamentalmente, alcune persone non vedono come coltivare le abilità necessarie per la felicità . Richiedono un certo sforzo ed alcuni preferiscono non farlo. Quindi è più facile dire “non esiste la felicità”. Oppure “va bene essere annoiati, stressati, la vita è così, più colorata”. È come andare in un bel posto in mezzo alla natura e dire “mi mancano gli ingorghi stradali”, “mi manca il pronto soccorso dell’ospedale”. No certo che no!”.

IL SEGRETO PER ESSERE FELICI

LA MEDITAZIONE TI AIUTA AD ESSERE FELICE

” La felicità è un’abilità e tutti possono adottarla. La meditazioneaiuterà. Raggiungi il benessere nonostante le difficoltà quotidiane “.

Apparentemente uno dei trucchi più utili è essere altruisti. E anche la meditazione , che ci aiuta a superare le paure, i traumi, i pregiudizi e dipendenze, cioè è di aiuto e ti insegna come oltrepassaretutti gli ostacoli che possono impedirti di essere felice.

” La meditazione ti aiuta ad ottenere le tue risorse interiori per far fronte agli alti e bassi della vita. Con esso si è meno vulnerabili, meno insicuri. Quindi sai che, qualunque cosa accada, starai bene. Anche di fronte a piccoli tempeste o difficoltà “.

LIBERTÀ INTERIORE

La tua mente può essere il tuo migliore amico o il tuo peggior nemico , a seconda del tipo di pensieri che si nascondono al suo interno. Ecco perché è importante non dipendere da esso e liberare la mente.

Hai una mente e devi affrontarla dalla mattina alla sera. Questa mente può crearti molti problemi, ma può anche darti molte soddisfazioni e felicità. Allo stesso modo in cui ci prendiamo cura della nostra salute fisica e del nostro aspetto fisico, perché non prenderci cura della nostra mente, che a volte può essere il nostro migliore amico e talvolta il nostro peggior nemico? Se tutto sembra andare bene all’esterno anche se la tua mente è completamente depressa, allora non ti godrai nulla. Ma se la tua mente è equilibrata, forte, libera, anche di fronte a qualche difficoltà, non sarai così debole o facile da destabilizzare. Quindi è fondamentale trattare con le nostre menti “.

Raggiungere l’indipendenza emotiva è possibile ed importante, ma devi allenarti per acquisire un certo controllo sulle tue emozioni. Conoscere e comprendere i meccanismi del funzionamento della mente ti permetterà di sapere perché certe emozioni ti impediscono di essere felice e noterai che è più intelligente ed utile controllarle, limitarle e separarle. Capirai cosa sono e perché si verificano quelle tendenze abituali ad avere pensieri negativi, gelosie, ansie, frustrazioni. Non essere schiavo della tua mente ti permetterà di essere libero e ti darà la possibilità di essere felice .

Se vivi la tua vita in modo più equilibrato e meno stressante, devi comunque pagare le bollette, prenderti cura dei tuoi figli e fare tutto ma con più resilienza, con più forza, con più libertà. Ma in questo modo non siamo così schiavi di tutte quelle condizioni. Farele solite cose , ma con una mente più equilibrata e più felice con un altro atteggiamento mentale . E questo fa una grande differenza alla fine della giornata, soprattutto quando si tratta dello stress. Ma non significa che, poiché mediti, smetterai di pagare le bollette! “

La libertà interiore si ottiene con il distacco. Buddha ha detto che ciò che crea frustrazione è l’ aspettativa . Il desiderio di ottenere cose materiali, preminenza e riconoscimento . Tuttavia, secondo gli esperti “nell’essere felici”, la serenità si ottiene quando non si è attaccati alle cose, quando non si cerca un interesse egocentrico .

Secondo Matthieu Ricard le cose materiali diventano qualcosa a cui ti leghi, ti prendonoe non ti lasciano essere libero . Non sono realmente necessarie quanto la società vorrebbe farci credere . E certamente non necessarie per raggiungere la felicità. Il nostro insegnante solo si addolora dell’ingiustizia sociale, la discriminazione , lo sfruttamento umano ed animale, e tutto ciò che sta nell’aiutare il prossimo è ciò che porta davvero la felicità .

” Posso godere di un certo tipo di libertà perché ho la capacità di decidere la direzione della mia vita, che penso sia una cosa molto buona “.

IL BENESSERE È IL COLLEGAMENTO CON GLI ALTRI

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

Se ti senti meno vulnerabile sei più aperto agli altri. Quindi il rapporto con gli altri migliora e questo è qualcosa di enorme per poter avere meno stress, meno rabbia, meno risentimento. Avere un rapporto naturalmente buono con gli altri è una grande risorsa in questa vita “.

L’ indipendenza emotiva ti permetterà di essere meno vulnerabile e questo stato ti farà sentire meglio, più sicuro e quindi non ti sentirai a disagio o minacciato quando sei con altre persone. Ti sentirai naturalmente più aperto agli altri, e potrai prendere vantaggio del benessere che apporta condividere con i tuoi simili gentilezza e sensibilità, comprensione ed interesse sincero, considerazione e rispetto, le risorse e la conoscenza . La condivisione ti offre l’ emozione di sentirti gioioso per aver fatto del bene e ti dà quella soddisfazione di ciò che alcuni chiamano beatitudine.

SCIENZA E RELIGIONE: DUE MONDI MOLTO DIVERSI E UN PONTE PER UNIRLI

La scienza è un approccio rigoroso alla realtà. E uno degli obiettivi del buddismo è approssimare il divario tra apparenza e realtà ed indagare su come funziona la mente, investigare stati di sofferenza e felicità “.

COS’È LA FELICITA

L' UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO
Fonte

Matthieu Ricard propone la felicità come “attitudine” alla vita. Un modo di vedere e vivere la vita che è insolito nella nostra società, ma che secondo lui è un modo saggio ed intelligente per dare senso, valore e benessere alla nostra esistenza. È un modo di essere e di sentire gli stimoli che ci impattano in un modo più vantaggioso o conveniente.

“La felicità non deve essere confusa con una successione infinita di episodi piacevoli. Questa è la ricetta per l’esaurimento, non per la felicità (ride). La felicità è un modo di essere, è un modo di essere che viene fornito con la coltivazione di una serie di qualità umane, che sono le stesse: libertà interiore, pace interiore, forza interiore, gentilezza, compassione . Se li coltivi attraverso la tua esperienza di vita e lo rendi possibile attraverso l’allenamento mentale, allora raggiungi un modo di essere più sano . E, di nuovo, questo ti dà gli strumenti per affrontare gli alti e bassi della vita “.

INSEGNARE AD ESSERE FELICE

Gli obiettivi e le modalità dell’educazione si concentrano nel modo sbagliato, esso non fornisce i necessari strumenti per formare le persone con una mente libera, un’essenziale condizione per capire cosa è meglio per noi e quindi scegliere di allenarsi per essere felici . La società sta formando persone incapaci di essere felici, schiavi delle emozioni, desideri e pretese imposte come richiesto da una società che usa inganni e frodi.

E se coltivassimo qualità umane invece di essere i primi in matematica, i primi in questo o quello? Cosa si aspettano i genitori dai figli? Che siano felici, equilibrati, brave persone in famiglia, brave persone nella società? E cosa insegniamo loro ? A risolvere equazioni matematiche, a raccogliere quante più informazioni possibili. Ovviamente tutto ciò è utile! Ma, alla fine, quello che vuoi è che l’ istruzione produca una brava persona, una persona buona e felice . Questo oggi non è l’obiettivo principale dell’istruzione e dovrebbe esserlo “.

Fonte foto cover

TI È SEMBRATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDI CON NOI LA TUA OPINIONE NELLA SEZIONE COMMENTI!


    L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO L’ UOMO PIÙ FELICE DEL MONDO

    error: Content is protected !!