Cultura e Intrattenimento

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

La leggenda dei bambini verdi, oltre ad essere un classico all’interno delle proprie storie di mistero, è stata d’ispirazione nel suscitare interesse per altre “leggende” oggi trasformate in miti e cospirazioni.

Nell’Inghilterra medievale erano gli anni del regno di re Stefano (1135-1134). Woolpit, un piccolo villaggio nel Suffolk County, che si trova a nord est di Londra, era stato raggiunto dal caldo soffocante dell’estate e con esso il faticoso momento di raccogliere i frutti della terra, il raccolto, i quali contadini del luogo attendevano pazienti. Era anche il momento dell’ingrasso delle pecorelle che erano nate quella lontana primavera scorsa. Le creature ingenue balzarono intorno alla madre e ai loro compagni lussureggianti, pavoneggiandosi per la loro verve giovanile in ascesa. Tuttavia, il rischio per loro non era ancora passato, né sarebbe passato. Sebbene un po ‘cresciuti, erano vulnerabili quanto o più dei loro genitori. I lupi erano sempre in agguato. Nessuna tregua era stata concessa e qualsiasi svista poteva rivelarsi fatale.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Gli abitanti del villaggio erano consapevoli del rischio e della minaccia rappresentati dai lupi. Un branco di lupi insaziabili e devoti poteva significare rovina e miseria per qualche sfortunata famiglia. Per evitare o almeno in parte contenere gli attacchi regolari e brutali dei lupi, gli abitanti del villaggio avevano escogitato delle trappole sparse nei boschi vicino al villaggio. Un disperato tentativo di reprimere quei terribili attacchi che la mattina dopo sconcertavano tutti i locali con la loro sanguinosa carneficina. Non per niente la città portava il nome dedicato ai lupi, Wollpit.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Nei mesi estivi gli attacchi erano più frequenti, era anche il momento per loro di allevare i loro cuccioli ed avevano bisogno di più apporto nutritivo ed immagazzinare più grasso corporeo prima che arrivassero i rigori dell’inverno. Per questo motivo in estate gli abitanti del villaggio effettuavano anche controlli più frequenti delle buche, controllando le possibili e tanto attese vittime che vi cadevano durante la notte.

Quel giorno un gruppo di abitanti del villaggio si avvicinò ad una delle trappole nel loro solito giro di pattuglia. Si sentirono strani lamenti. Sembrava che qualche animale “strano” fosse caduto all’interno. Aspettandosi che fosse uno dei temuti lupi, si avvicinarono con circospezione. Lo stupore era reciproco. All’interno, due bambini molto piccoli erano rannicchiati sul lato della buca. Un ragazzo ed una ragazza un po ‘più grande di lui. I due erano spaventati da un lato della fossa, vestiti con una strana e rudimentale canotta selvaggia diversa dall’usanza tipica. Sconcertati e allo stesso tempo sollevati dalla scoperta inaspettata e rara, gli abitanti del villaggio tirarono fuori i bambini dal buco. Non erano conosciuti figli di nessuna famiglia locale e non erano mai stati visti. Parlavano una lingua insolita e sconosciuta che gli abitanti del villaggio non capivano. Ma la cosa più strana di tutte era che i bambini avevano la pelle verde.

Richard di Calne, un paesano e proprietario terriero, propose di portare i bambini a casa sua. Dopo essere stati accuditi dai servi di Sir Richard nel tentativo di rimuovere il colore verde dalla loro pelle, fu offerto loro da mangiare perché sembravano affamati, ma i bambini non mangiarono. Per alcuni giorni i bambini si rifiutarono di mangiare, forse non erano a conoscenza di quel cibo e non osavano mangiarlo per sospetto. Un giorno mentre curiosavano per casa, trovarono un sacco di fagioli crudi appena portati dal campo della fattoria, affamati si gettarono a mangiarli avidamente davanti allo sguardo conpiaciuto dei presenti. Per questo motivo, gli abitanti del villaggio pensarono che i bambini fossero abituati a mangiare solo verdure verdi, da qui il loro insolito colore verde.

Per i primi giorni mangiarono solo fagiolini e fagioli. Come era consuetudine nel villaggio, i bambini furono battezzati. Alcuni giorni dopo il ragazzo che sembrava il più piccolo dei due e il più debole, si ammalò e morì.

La ragazza però riuscì a sopravvivere e con il passare dei giorni si adattò gradualmente a mangiare altri cibi più nutrienti e vari, perdendo così nel tempo il suo colore verde. Pertanto, si abituò alla sua nuova condizione e vita, ed imparò l’inglese, è fu allora che potè raccontare che lei e suo fratello erano venuti da un luogo chiamato “Saint Martin’s Land”. Lavorò nella casa di Sir Richard di Calne come domestica fino a quando non diventò adulta. Successivamente sposò un funzionario di King’s Lynn, una città vicina a Woolpit, con il quale ebbe un figlio.

Anni dopo, disse a suo marito che Saint Martin’s Land era un mondo sotterraneo di grandi dimensioni. Un luogo che riceveva debolmente la luce proveniente dall’altra sponda di un grande fiume che li separava da un’altra terra estremamente illuminata. Nella loro terra tutti avevano la pelle verde e tutto era verde.

I NARRATORI

La leggenda è stata raccontata e trasmessa da due narratori dell’epoca, Guglielmo di Newburgh, o Guglielmo, noto anche come William Parvus o Guillelmus Neubrigensis, che era un canonico agostiniano e storico inglese del XII secolo. Nella sua opera ” Historia rerum Anglicarum ” racconta la storia dell’Inghilterra dal 1066 al 1198 , dove racconta storie popolari e leggende anche di fantasmi e vampiri, tra cui quella dei bambini verdi di Woolpit. William prese in considerazione l’evento “bambini strani e meravigliosi ” e descrisse i fatti sulla base delle dichiarazioni di testimoni oculari . Questo manoscritto è conservato nel Collegio Corpus Christi dell’Università di Cambridge, essendo uno dei primi a raccogliere la storia d’Inghilterra da Guglielmo il Conquistatore a Riccardo Cuor di Leone.

Successivamente un altro narratore raccolse la storia dei bambini, fu Ralph di Coggeshall nella sua opera ” Chronicum Anglicanun ” del 1220 , un abate di un monastero cistercense a Coggeshall, una città situata a circa 42 km a sud di Woolpit. Le due narrazioni differiscono solo per piccoli dettagli.

La leggenda dei bambini verdi è stata menzionata anchein altri scritti nel corso del tempo, William Camden cita l’evento nel suo romanzo Britannia del 1586, così come il vescovo Francis Godwin nel suo romanzo L’uomo nella luna del 1638. Ma era nel romanzo il bambino verde di Herbert Read nel 1935 che la leggenda è diventata popolare. Herbert Read , infatti, aveva già elogiato l’evento in precedenza nel suo libro educativo English Prose Style nel 1928, che evidentemente lo aveva motivato a trarre ispirazione per il suo successivo romanzo.

VERSIONI DEGLI EVENTI

Secondo la leggenda, durante il regno del re Stefano nel XII secolo un estate comparvero due bambini, fratello e sorella in un piccolo villaggio nella contea di Suffolk, in Inghilterra. Erano stati trovati dagli abitanti del villaggio all’interno di una fossa di lupi, in cui erano caduti durante la notte ed erano rimasti intrappolati fino al mattino successivo. I bambini avevano un aspetto normale tranne che per l’ insolita tinta della loro pelle , verde.

Secondo William di Newburgh, gli abitanti del villaggio di Woolpit scoprirono i bambini un giorno d’estate durante il “tempo del raccolto” . I bambini erano caduti in una delle cosiddette “fosse dei lupi” sparse per le foreste intorno alla città. Erano generalmente buchi quadrati di una certa profondità che servivano da trappole per i lupi che vagavano per il luogo inseguendo le mandrie.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Quando furono trovati, i bambini erano in un lato all’interno del pozzo, probabilmente spaventati. Un bambino e una ragazza leggermente più grande . La loro pelle era di colore verde e parlavano una lingua sconosciuta che gli abitanti del villaggio non capivano. I loro vestiti erano canottiere rustiche e rudimentali . Secondo Ralph di Coggeshall, i bambini furono portati a casa di Richard di Calne, uno degli abitanti del villaggio.

Durante i primi giorni i bambini si rifiutarono di mangiare, finché non trovarono dei fagioli crudi che “mangiavano con grande avidità” . Quindi gli abitanti del villaggio pensarono che mangiassero solo verdure verdi e quindi da lì il colore della loro pelle. Col tempo si adattarono a mangiare altri cibi e poco a poco perseroil colore verde della pelle. I bambini furono battezzati e poco dopo il bambino che sembrava il più piccolo si ammalò e morì .

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

La ragazza si adattòalla sua nuova vita, secondo i resoconti era considerata “abbastanza rilassata e ribelle nel suo comportamento” . Dopo un po ‘la ragazza imparòanche a parlare inglese ed è stata così in grado di raccontare da dove venivano lei e il suo fratellino e qual era la loro casa. Spiegò che venivano da Saint Martín’s Land, la Terra di San Martino, un mondo sotterraneo abitato da gente di colore verde . Una terra dove il sole non splendeva mai e la luce era come il crepuscolo, e tutto era verde.

Secondo William, i bambini si erano persi mentre pascolavano il bestiame del padre, improvvisamente sentirono un forte rumore (secondo l’interpretazione del narratore sarebbero state le campane di Bury St. Edmund’s ). Poi, disorientati, vagarono per la foresta fino al calar della notte ed incuranti nell’oscurità caddero in unatana per lupi.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Secondo Ralph, tuttavia, i bambini seguironoil bestiame in qualche grotta (forse dove vivevano). Poi sentirono un suono che attirò la loro attenzione (le campane ). Curiosi furono guidati dal suono delle campane ed emersero nei dintorni della cittadina di Woolpit cadendo in una delle trappole perlupi che si trovavano nelle vicinanze.

La ragazza lavorò come domestica per molti anni nella casa di Richard di Calne (o Caine). E poi sposòun locale di King’s Lynn, una città a est di Woolpit, dove si trasferì per viverci.

Tuttavia, secondo una successiva indagine sui due racconti principali dell’astronomo e scrittore Ducan Lunan, la ragazza si chiamava Agnes e sposò un funzionario reale, di nome Richard Barre, giurista, sacerdote e studioso con il quale ebbe almeno un figlio.

VARIE SPIEGAZIONI

Di solito dominano due approcci principali , il primo è che la storia discende dal folklore popolare , descrivendo un incontro immaginario mai visto prima degli abitanti di Wool pit con gli abitanti di un altro mondo, forse un mondo “fatato”, o un ” mondo alieno”, in questo caso i bambini sarebbe esseri extraterrestri , o abitanti ‘underground’ di un mondo sotterraneo all’interno della Terra.

PRIMO APPROCCIO: ESSERI VENUTI DA “UN ALTRO MONDO”

BAMBINI EXTRATERRESTRI

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Sotto questo primo approccio, sono diverse le ipotesi sollevate nel corso degli anni. Una è quella suggerita da Duncan Lunan (già citato sopra) in un articolo del 1996 pubblicato sulla rivista Analog.

Lunan ha quindi ipotizzato che i bambini fossero stati accidentalmente trasportati a Woolpit dal loro pianeta natale a causa di un malfunzionamento del ” trasmettitore di materia ” . Lunan suggerisce che il pianeta natale dei bambini potrebbe essere intrappolato in un’orbita sincrona attorno al suo sole, limitando le condizioni divita solo in un’area ristretta di crepuscolo tra una superficie esposta a calore eccessivo e un gelido lato oscuro . Spiega che la colorazione verde dei bambini è un effetto secondario, conseguenza del consumo abituale di piante aliene geneticamente modificate da parte degli abitanti di quel pianeta.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Lunan non è stato il primo a suggerire che i bambini verdi avrebbero potuto essere alieni . Come abbiamo accennato, è stata un’idea condivisa da molti. Ad esempio Robert Burton , un pastore, studioso e professore presso l’Università di Oxford, ha suggerito nel suo lungo saggio, l’opera capitale della letteratura britannica, ” The Anatomy of Melancholy” nel 1621 che i bambini verdi ” caddero dal cielo “, un’idea raccolta da Francis Godwin , vescovo di Herdford e storico inglese per scrivere il suo romanzo di finzione “The man in the moone, or a discourse of a voyage thither by Domingo Gonsales, the speedy messenger” (“L’uomo nella luna, o un discorso di un viaggio di Domingo Gonsales, il veloce messaggero “) pubblicato postumo in 1638.

LA TEORIA DELLA TERRA CAVA

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

È senza dubbio una delle ipotesi più sorprendenti ed avventurose sull’origine dei bambini verdi. Una presunta civiltà sotterranea altamente evoluta che abiterebbe l’ interno della Terra.

Presumibilmente ci sarebbero due aperture principali ai poli e un sistema di interconnessione delle gallerie interne. Secondo alcune cospirazioni gli ingressi sarebbero stati nascosti e custoditi in segreto.

È un’idea che risale al XVII secolo quando Edmun Halley, per inciso lo scopritore della cometa di Halley, scrisse le prime teorie sulla possibile esistenza di una cavità cava di circa 10.000 km di diametro all’interno della crosta terrestre da una profondità di 1000 km.

Presumibilmente potrebbe esserci un “sole” e ci sarebbero almeno due ingressi diretti a quel mondo interno situato ai poli . Fino ad oggi la perforazione è riuscita a raggiungere una profondità prossima ai 16 km, ancora lontana dai 1000 km dichiarati da Halley.

Curiosamente, la prima immagine del satellite ESSA-7 dal 23 novembre del 1986 effettuato fuori sul Polo Nord , ha mostrato un misterioso buco ocerchio scuro al centro del polo circondato da nuvole. Nonostante si trattasse indubbiamente di un errore tecnico durante l’esecuzione della fotografia, la notizia divenne ben presto oggettiva per confermare la teoria lanciata da Halley.

Ad aggiungere più mistero alla vicenda, quando ci si avvicina dallo spazio all’Antartide con l’applicazione Google Earth, l’immagine mostra uno spazio bianco circolare, lo stesso accade al Polo Nord, settore che ora si trova in mare dal disgelo prodotto in quella zona. Oggi si sa che si tratta di una “pezza” posta sul posto dal sistema di fotografia satellitare per dare un punto di riferimento e per poter avere un’immagine più precisa.

Ma la cosa non si ferma qui, come sempre accade con eventi misteriosi che sono segnati dal caso, a quanto pare al Polo Sud c’è davvero una zona chiamata “Terra di San Martino” . Un’area di terra che si staglia a forma di corno nella penisola antartica e in Argentina è chiamata Tierra de San Martín in onore di José San Martín.

SECONDO APPROCCIO: EVENTO ACCADUTO, STORIA “DISTORTA”

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Il secondo approccio propone che si tratti di un resoconto “distorto” di un evento realmente accaduto . D’altra parte, non c’è dubbio che la storia descritta dai narratori sia un’affermazione “interpretata” dai narratori stessi, cioè un’invenzione creativa degli adulti, e non un’affermazione autentica diretta dei bambini.

D’altra parte, la medicina suggerisce che forse i bambini soffrivano di clorisi, una rara malattia anemica che si caratterizza proprio per il colore verde della pelle , oltre a perdita di energia, dispepsia, mancanza di appetito o capricciosità, respiro corto, mal di testa. e perdita di peso. E per quella che un tempo era chiamata malattia verde. Questa ipotesi potrebbe giustificare i sintomi sia del colore della pelle, sia dello stato malaticcio del fratellino che dell’iniziale magrezza e pigrizia della ragazza. Tuttavia questa teoria non è stata accettata.

Per quanto riguarda la lingua sconosciuta con la quale comunicavano, alcuni studiosi suggeriscono che fosse il dialetto fiammingo, olandese, parlato nelle Fiandre. Originario dei Paesi Bassi e del Belgio settentrionale, della Francia settentrionale a Durkerque, a Calais e in una piccola parte della Germania nord-occidentale. Ma questa ipotesi è stata respinta anche sulla base del fatto che nel XII secolo, quando si verificarono gli eventi, esistevano già rotte marittime tra la Gran Bretagna e il continente europeo, quindi è probabile che i viaggiatori che parlavano quella lingua fossero passati da Woolpit, e quindi, a sua volta, sarebbe stato possibile per gli abitanti del villaggio ricordare quella lingua e della sua somiglianza.

Un’altra spiegazione suggerisce che i bambini appartenessero a una piccola tribù bretone, la cui abitudine era quella di vivere in sezioni di caverne sottol’influenza di altre culture, la cui versione linguistica aveva origine nelle lingue celtiche . Lingua molto difficile da capire in quel momento in Inghilterra.

Infatti, Charles Oman, storico militare britannico degli inizi del XX secolo, che ha fatto ricostruzioni di battaglie medievali da molti frammenti isolati e racconti distorti e folklore lasciati dai cronisti dell’epoca, ha concluso riferendosi allo studio che realizzò delle storie di bambini e servi che ” fuggivano dai loro padroni “, che ” chiaramente c’era qualche mistero dietro tutto ciò che accadde (riferendosi alla storia dei bambini verdi), il che suggerisce che potrebbe esserci stata qualche storia di” avvelenamento e rapimento “come era usuale nel periodo e ha sottolineato che un elemento della storia dei bambini verdi, nello specifico, entrare inuna realtà diversa attraverso una “grotta” è sempre stato molto popolare tra il folklore del tempo.

Jeffrey Jerome Cohen , autore e direttore dell’Institute for Medieval and Early Modern Studies (GW IMEMS) propone un punto di vista diverso per dare una spiegazione all’evento dei bambini verdi, sostenendo che la storia è un resoconto indiretto della differenza razziale tra l’ inglese contemporaneo e gli indigeni britannici .

Anche Gerald del Galles, storico medievale, racconta una storia simile di un ragazzo che, scappato dal suo maestro, “ incontrò due pigmei che lo condussero attraverso un passaggio sotterraneo in una bellissima terra con campi e fiumi, ma non illuminata dalla piena luce del sole .”

D’altra parte Martin Walsh considera significativi i riferimenti a San Martin, e considera la storia dei bambini verdi come la prova che la festa di San Martino ha le sue origini in un passato aborigeno inglese. Un collaboratore di Notes and Queries nel 1900 hasuggerito che c’era una connessione celtica nella storia dei bambini verdi, sostenendo che gli ” spiriti verdi ” sono considerati nella letteratura e tradizione celtica , esseri spirituali puri, senza peccato o colpa. E che nella versione in cui la ragazza sposa un uomo “regale” (Lynn), la parola Lynn, sarebbe lein , una parola celtica che significa male , e quindi l’interpretazione sarebbe che “la fata pura si sposa con un peccatore figlio della terra ” .

ULTIMO APPROCCIO

Secondo un approccio più moderno, la storia dei bambini verdi sarebbe collegata ad una storia illustrata e scritta da Randolph Caldecott nel 1879 . La storia racconta le avventure di alcuni bambini abbandonati nella foresta di Caldecott morti dopo essere stati avvelenati con l’arsenico dal loro zio malvagio.

L’ arsenico spiegherebbe la colorazione verde dei bambini. Dopo essere fuggiti nella foresta dove erano stati abbandonati (forse vicino a Thetford) i bambini caddero in un pozzo a Woolpit , dove furono poi scoperti.

Come affermato nel suo libro del 1978 Bob Roberts, autore locale e cantante folk, a Woolpit ci sono ancora persone discendenti dai bambini verdi, ” ma nessuno mi ha detto chi fossero , secondo le sue dichiarazioni. Nel 1977 un cartelloè stato eretto nel villaggio raffigurante i due bambini verdi .

SPIEGAZIONI STORICHE

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Nel corso del XII secolo molti immigrati fiamminghi arrivati nell’est dell’Inghilterra, furono perseguitati da Enrico II dal 1154 in poi. Un gran numero di loro morì vicino a Bury St. Edimunds nel 1173 nella battaglia di Fornham combattuta tra Enrico II e Robert de Beaumont , 3 ° conte di Leicester.

Sulla scia di questi eventi storici, Paul Harris hasuggerito che i genitori dei bambini verdi erano fiamminghi e che sono morti durante il periodo del conflitto civile , e che i bambini potrebbero essere andati nella città di Fornham St.Martin , non molto a nord di Bury St. Edmunds alla cui ricca e potente abbazia nel villaggio di Woolpit era appartenuta , in cui un insediamento di battitori fiamminghi esisteva in quel momento. Potrebbero essere fuggiti attraverso la foresta e arrivati a Woolpit, disorientati e vestiti con abiti fiamminghi sconosciuti agli abitanti di Woolpit, com’è anche la loro lingua . Il colore della pelle dei bambini potrebbe essere spiegato dalla cosiddetta “malattia verde”, la suddetta clorosi , dovuta a una carenza nutrizionale.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Secondo Brian Haughton questa spiegazione è plausibile , sebbene ammetta errori. Ad esempio, suggerisce che è improbabile che Richard di Calne (un locale che si offrì volontario per ospitare i bambini) non avrebbe riconosciuto la lingua fiamminga parlata dai bambini.

La spiegazione dellostorico Derek Brewer è più semplice e casuale, suggerendo che i bambini molto piccoli seguissero il gregge o lo radunassero. Ad un certo punto si sono disorientati e si sono allontanati dal loro probabile villaggio nella foresta. Dato che erano molto piccoli, parlavano poco , un’altra lingua e siccome erano confusi non sapevano la via di casa loro né come tornare. Probabilmente soffrivano di clorosi , che, come abbiamo detto prima, è una malattia da carenza di nutrienti che conferisce alla pelle un colore verdastro. Per questo motivo, migliorando la dieta con un’alimentazione maggiore e variata, persero il loro colore verde.

Tuttavia Jeffrey Jerome Cohen propone che la storia parli della differenza razziale in Inghilterra. I bambini verdi secondo lui, sono un ricordo del passato, di Inghilterra, della indigeni britannici . E come furono sconfitti dagli anglosassoni dopo l’ invasione normanna . Ci sono diversi punti di vista tra storici e commentatori dell’epoca riguardo alle entità etniche e alla loro assimilazione nella società vittoriosa.

LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

Secondo Cohen, i bambini verdi rappresentano una doppia intrusione nella vista unificata di Inghilterra di William (la prima voce narrante) . Da un lato, sono un promemoria delle differenze etniche e culturali tra normanni e anglosassoni , data la dichiarazione fornita dai bambini di provenire dalla terra di San Martino, chiamato anche Martino di Tours, o San Martino di Hastings , un santo che ricorda appunto la vittoria normanna nel 1066 .

Ma i bambini sembrano anche incarnare i primi abitanti delle isole britanniche , i cosiddetti “gallesi” ( e irlandesi e scozzesi ) che erano stati anglicizzati con la forza . Nella storia dei bambini verdi riemerge un’altra storia che William non era stato in grado di raccontare, una storia in cui l’ inglese come dominio della penisola diventa un presupposto problematico piuttosto che una conclusione scontata . Nel bambino inparticolare, che muore prima dipoter essere assimilato dalla società , rappresenta ” un mondo adiacente che non può essere assimilato, un mondo che perirà per durare “.

ALTRE STORIE IN CUI SI MENZIONANO I BAMBINI VERDI

Nel libro ” Strange Destinies ” del 1965 ilsuo autore John Macklin include la storia di due bambini verdi che arrivano nel villaggio spagnolo di Banjos nel 1887. È molto simile in quasi tutto alla leggenda di Woolpit, differisce solo per pochi dettagli . Quindi è scontato pensare che sia stato ispirato dalla leggenda di Woolpit e non fosse un evento realmente accaduto a Banjos. Città che per giunta non è mai esistita in Catalogna o nel resto della Spagna, e di altre città con un’etimologia simile come Bancó (Barcellona), Bajol e Banyoles (Gerona), ecc, secondo le indagini di Armando Galant concluse che non avevano storia o rapporto con i bambini verdi. Il nome di Banjos ha solo somiglianza con quella che allora era chiamata una grande tenuta o fattoria formata da diverse case in pietra. Inoltre, non ci sono prove documentali o testimonianze dei “presunti dottori” che vennero da Barcellona per esaminare i bambini.

Jacques Bergier riprende l’ idea anchenel suo libro “Aliens in History” del 1972.
Anche il romanziere e poeta australiano Randolph Stow nel suo romanzo del 1980 racconta una storia simile di una ragazza verde. I bambini verdi sono anche il tema principale di un opera per bambini del 1990composta da Nicola Lefanu di uno scritto di Kevin Crossley-Holland. Già nel 2002 il poeta inglese Glyn Maxwell ha scritto un lavoro in versi basato proprio sulla storia dei bambini verdi di Wolfpit (il nome precedente con il quale è stato chiamato Woolpit), che è stato anche esibito a New York. In questa versione, la ragazza è una serva del signore della villa, fino a quando uno sconosciuto di nome Juxon le concede la libertà e la porta in un luogo sconosciuto.

LA LEGGENDA DELL’EARL OF NORFOLK

C’è una leggenda medievale che racconta come il conte Norfolk abbiacercato di avvelenare isuoi figli con l’ arsenico e poi li abbia abbandonati in una foresta, per mantenere tutti i beni di famiglia per sè. L’arsenico potrebbe aver causato il colore verdastro, anemia e malnutrizione, ma non è giustificato che mangiassero solo fagioli, che parlassero una lingua sconosciuta e che la loro origine fosse sotterranea.

Oltre al fatto che questa leggenda manca di una certa base storica, poiché il conte si chiamava Earl Thomas Howard III e non era contemporaneo ai fatti , e nemmeno collegatoai bambini e al loro presunto avvelenamento.

I bambini verdi di Woolpit sono davvero esistiti? O è un’altra storia nel folklore inglese? Forse incarnano i primi abitanti originari delle isole britanniche, costretti all’assimilazione da parte della società emergente di quel tempo. Oppure potrebbe essere un’altra storia sconcertante e strana accaduta per caso. Comunque sia, oggi continua ad essere una leggenda che suscita ancora nuove interpretazioni ed intrighi.

TI È SEMBRATO INTERESSANTE QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDI CON NOI LA TUA OPINIONE NELLA SEZIONE COMMENTI!


    LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI LA LEGGENDA DEI BAMBINI VERDI

    error: Content is protected !!