Featured News

LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA

carrotsviolet orange vegetable hortaliza zanahorias carote ortaggio

LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA

2ª/8 PARTE “LA LISTA NERA DELLE PIANTE PROIBITE”

Curiosamente, la lista così enigmatica dei “cibi maledetti” era principalmente solo cibi ad alto contenuto nutrizionale.

viola purpura melanzana carote uva  LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA

In effetti, molti di loro, come le carote, erano già utilizzati nell’antica Grecia e Roma come pianta medicinale per le loro proprietà rivitalizzanti.

In effetti, gli arabi lo consideravano un cibo afrodisiaco come d’altronde molti altri che erano comunque vietati nelle società occidentali.

Gli arabi, non solo consumavano le foglie per il loro aroma, simile al prezzemolo e al coriandolo, ma le loro radici, cioè le carote, ed occupavano già un posto importante nella loro dieta quotidiana. È noto che in Afghanistan era già consumata da oltre 3000 anni.

In Europa, quando fu introdotta dagli stessi arabi (chiamate Isfannãriya) la ripudiarono per le sue proprietà “magiche”, attribuendo al suo colore viola l’origine malvagio della radice e perché cresceva sottoterra.

carota terra arancione LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA
capra carota mangiare animale

Quindi veniva usata principalmente come erba per gli animali e solo la popolazione più povera la consumava come cibo.

Le carote erano originariamente viola all’esterno ed arancione all’interno.

carote arancione vitamine vegetale verdure  LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA

Ma non è stato fino al XVI secolo quando in Olanda hanno sperimentato con esemplari prevalentemente gialli ed aranci ottenendo finalmente una sorta di colore totalmente arancione.

Un successo di popolarità per la Royal Orange House, presentata in suo onore ad una festa commemorativa. Da allora il suo consumo si è diffuso in tutta Europa fino ai giorni nostri.

LA MELANZANA: RIFIUTATA PER IL SUO COLORE VIOLA

melanzana viola vegetariano vegetale vitamine LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA

Come nella maggior parte dei casi, l’attribuzione di poteri soprannaturali a certe piante era una delle ragioni più frequenti nei tempi antichi per le quali venivano viste con sospetto e superstizione.

Anche la melanzana originaria dell’India meridionale, fu vista con sospetto in Europa e in particolare in Italia, per il colore della sua pelle e gli effetti “impuri” che causava.

Tuttavia, prima di arrivare in Occidente, faceva già parte del cibo di molte altre civiltà, come dimostra il suo consumo in Cina e Birmania.

In effetti, furono gli arabi nel Medioevo ad introdurla per la prima volta in Europa, in particolare nel sud e nell’est della Spagna.

Insieme alle melanzane, come sappiamo, hanno anche introdotto altri alimenti che ora sono una parte importante della nostra cultura culinaria.

Si chiama Solanum melongena, ma nell’antichità i romani la chiamavano “mela insana“, da qui il nome melanzana, sebbene nel I secolo il medico e botanico greco Pedanio Dioscorides parlasse delle sue proprietà benefiche e nutrienti.

Nel Medioevo, questa cattiva reputazione fu incoraggiata e prolungata per secoli dai papi di Roma dell’epoca. Secondo loro, alterava particolarmente l’uomo e predisponeva alla lussuria. Ecco perché era anche chiamata come “amoris poma“.

melanzana vegetariano vegetale vitamine vegan LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA

Secondo loro, il suo colore viola esternava l’impurità del peccato che riservava al suo interno. Ecco perché nella tradizione cristiana il colore viola è usato nei riti religiosi legati alla preparazione per la penitenza e il peccato.

È comprensibile che inizialmente ci fosse un normale sospetto di tutto ciò che era sconosciuto e nuovo, compresi i cibi mai visti. Ma è anche noto che la chiesa ha sempre usato superstizioni e tabù (anche se non ufficialmente) per terrorizzare e rimuovere i loro indottrinati dal contatto in questo caso, con i musulmani.

Presenza che minacciava e destabilizzava la supremazia e l’autorità dei papi romani.

Proprio il rifiuto e l’opposizione della chiesa a tutti i tipi di idee o cose estranee e/o che minacciano i loro interessi è stata una pratica abituale e conosciuta nella loro metodologia d’indottrinamento culturale di massa; e le melanzane, insieme ad altre verdure come carote e patate, furono sfortunate in questo senso poiché furono inserite nella “lista nera” di cibi malvagi e demoniaci. Secondo loro, queste verdure incoraggiavano gli uomini a fare cose orribili e contro la volontà divina.

È interessante notare che tutti erano cibi importati da altre culture con religioni diverse. Naturalmente esistevano altri tabù e credenze folli sulla loro natura malvagia e perniciosa.

melanzana viola vitamine vegetale vigetariano LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA

Ad esempio, si diceva che chi ne faceva consumo accusasse macchie viola sul viso, il colore della morte e causasse “impurità e malizia nell’umore dell’uomo“, mal di testa e persino costipazione.

La Spagna è stata il primo paese occidentale in cui è stato introdotto come cibo quotidiano e divenne rapidamente popolare.

Furono portati dagli arabi alla fine del Medioevo, il loro nome era “Al-bâdinjân“, un termine preso in prestito dalla parola persiana “Bâdengân” da cui proviene. Nel resto dell’Europa fu reso nota dalla Spagna, sebbene i francesi non la conobbero fino al XVII secolo.

TI È INTERESSATO QUESTO ARGOMENTO? CONDIVIDI CON NOI LA TUA OPINIONE NELLA SEZIONE COMMENTI!


LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA LA CAROTA: LA MALEDIZIONE DEL COLORE VIOLA