Articoli Cultura e Intrattenimento

TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Titanic buque

TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Suppongo che quando hai la possibilità di avere tutto, inizi a desiderare cose che non sono alla tua portata. Questo sarebbe anche qualcosa di molto normale e frequente nel comportamento umano.

Ricreare qualcosa di completamente originale nel suo stato passato in alcuni casi potrebbe essere considerata una sfida troppo rischiosa, come nel caso di ricreare un Jurassic Park, per esempio. Oltre ad essere difficile da eseguire, sembra essere poco saggio, almeno per quello che ci dicono nei film.

Naturalmente, questo caso ipotetico potrebbe essere giustificato in qualche modo dalla scienza e dal diritto alla vita in sè. Un valore apparentemente comune a causa della natura innata ma straordinaria che è l’istinto di sopravvivenza.

In ogni caso, il fatto di voler ricreare qualcosa dal passato oltre ad avere il suo fascino come è naturale, può avere molte motivazioni. Un modo molto valido è quello di commemorare un ricordo , di onorare un sacrificio, di evidenziare un valore, anche lo stesso valore che possiede la vita di una singola persona è qualcosa di nobile che merita tutto il nostro rispetto ed attenzione.

Titaniic Memorial TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Ma la cosa interessante qui è andare oltre e cercare di interpretare le vere motivazioni per le quali a volte le persone mettono più interesse nel commemorare alcuni eventi, che curiosamente tendono ad essere eventi con finali drammatici.

Questo è il caso del Titanic , la sua storia drammatica che tutti conosciamo. La più grande nave del mondo in quel periodo, una transatlantica britannica di 46.428 tonnellate lorde, 269.06 metri di lunghezza, 10.54 metri di profondità e 9 ponti . Sprofondato durante il suo viaggio inaugurale, quattro giorni dopo aver lasciato il porto di Southampton verso New York .

Titaniic Memorial   ship ocean TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Poco prima delle 22.30 il capitano Edward John Smith ordinò che la guardia fosse rafforzata. Un mare estremamente sereno come quello di quella notte non doveva essere sottovalutato. L’assenza di onde rendeva difficile l’ avvistamento di iceberg alla deriva, le onde che si infrangono contro la base dello stesso infatti rendeva nota la loro presenza e contribuiva ad identificarli meglio e più in fretta, ma quella notte non fu così.

Quella notte era molto più fredda del solito, la temperatura era scesa rapidamente avvicinandosi alle coste di Terranova. D’altra parte gli avvertimenti su ghiaccio ed iceberg in quella zona erano frequenti e comuni, quindi il capitano ordinò di rivolgersi a sud ovest per superare al più presto quel settore a rischio.

Poco prima delle 23:40 della notte del 14 aprile 1912 , il guardiano Frederick Fleet avvistò un’area proiettata di ombra, che si ergeva imponente ed in contrasto con il cielo stellato di quella tranquilla notte. Un iceberg avanzò imperterrito verso il Titanic. Rapidamente Fleet suonò il campanello tre volte, allertando il ponte di comando.

Titanii bell 1912 TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Nonostante le manovre per evitare l’imminente collisione, pochi istanti dopo il Titanic si scontrò inevitabilmente con l’ iceberg , lateralmente. Lo sfregamento causò danni allo scafo della nave 5 m sotto la linea di galleggiamento. Il conseguente strappo delle piastre d’acciaio fu solo di 5 cm di larghezza, ma sufficienti a riempire rapidamente 5 compartimenti del ponte inferiore.

iceberg ship

Alle 00:05, il capitano diede l’ordine di preparare le scialuppe di salvataggio e dieci minuti dopo gli operatori radio iniziarono ad inviare le prime chiamate di soccorso.

Dopo aver ricevuto l’SOS, il Carpathia, nonostante il rischio di incontrare altri iceberg, cambiò rapidamente rotta e si diresse a tutta velocità verso la posizione in cui il Titanic stava affondando.

Poche ore dopo, alle 2:20 del 15 aprile, il Titanic si spezzò in due ed affondò sotto le scure acque del mare canadese, circa 600 km a sud della costa di Terranova, portando con sé centinaia di persone che erano ancora a bordo.

iceberg

La maggior parte che rimase a galleggiare sulla superficie del mare morì di ipotermia. Sono stati salvati solo 709 sopravvissuti delle 2211 persone che hanno formato il totale tra equipaggio e passeggeri. La Carpathia fu la prima nave ad arrivare dopo le 4 del mattino.

Anche il HMHS Britannic sentì la chiamata di soccorso dalla sua nave gemella, ma trovandosi troppo lontano non poté aiutare nelle operazioni di salvataggio.

È impressionante; abbiamo letto, ascoltato e visto la storia decine di volte, eppure ogni volta che la sentiamo nuovamente, continua a commuoverci profondamente. Sfortunatamente, non è l’unica tragedia di questo tipo. Le profondità del mare nascondono molte storie di naufragi.

Senza andare oltre la stessa White Star Line , la compagnia di navigazione britannica a cui apparteneva il Titanic , fu da sempre segnata dalla sfortuna.

Nel 1873 l’RMS Atlantic fu distrutto vicino alla costa di Halifax, uccidendo 545 persone. Nel 1893 un’altra nave, la SS Naronic, scomparve con 74 persone a bordo, dopo aver lasciato Liverpool per New York.

Già nel 1909 un’altra nave della stessa compagnia la RMS Republic, affondò dopo essersi scontrata con un’altra nave, la Florida. Qualche anno dopo, nel settembre del 1911 , l’RMS Olympic, fratello gemello del Titanic, il cui scafo era dipinto di bianco per distinguerlo dal Titanic, il cui scafo era nero, ebbe una collisione con la corazzata HMS Hawke.

E come potrebbe essere altrimenti, anche l’altro fratello del Titanic , l’HMHS Britannic , la nave terza classe olimpica della White Star Line, durante un viaggio vicino all’isola greca di Kea, affondò a causa di una mina. Ma almeno aveva anni e non giorni di servizio, in particolare 24.

Anche se sembra ovvio che la sfortuna inseguiva la White Star Line , non si può dire che gli incidenti subiti da questa compagnia siano stati superiori alla media o più gravi. Perché dobbiamo prendere in considerazione il grande volume di navi con cui lavorava, le misure di sicurezza limitate che erano disponibili a quei tempi e le circostanze dell’epoca. Tutto considerato era probabile un bilancio simile .

Ma ciò che ci interessa ora è l’ importanza che è stata data al Titanic originale e la rilevanza del suo legame con il nuovo Titanic II .

Il progetto è stato annunciato da Clive Palmer nell’aprile 2012, fondatore della seconda compagnia di crociere Blue Star Line , in coincidenza con il mese in cui il Titanic di Southampton salpò.

La costruzione fu commissionata ad un’importante compagnia di costruzioni navali del governo della Cina, la Jinling CSC. Il progetto era inteso ed intende ancora fare una replica esatta dell’originale RMS Titanic .

Nel 2013 Blue Star Line ha annunciato l’inizio dei lavori di costruzione ed il suo completamento inizialmente previsto per il 2016 . In seguito fu ritardato per il 2014 il suo inizio. Nel 2015, i lavori di costruzione non erano ancora iniziati, ma fu annunciato che sarebbe stato completato nel 2018 e che il suo viaggio inaugurale sarebbe stato dalla Cina a Dubai .

Dopo anni di pausa, il 27 settembre 2018 , la Blue Star Line, attraverso un comunicato stampa, annunciò la ripresa dei lavori di costruzione.

Il 9 novembre 2018, attraverso un altro comunicato stampa, la Blue Star Line annunciò che il Tillberg Design of Sweden riprenderà i lavori sul Titanic II.

Il Tillberg Design of Sweden è leader mondiale nell’architettura e nell’arredamento per interni . È stato fondato nel 1956 in Svezia. Nella sua lunga storia ed esperienza ha progettato interni per oltre 200 barche. Tra cui i famosi transatlantici Queen Elizabeth II e Queen Mary II, The Ritz Carlton Yacht Collection e molti altri ben noti.

Si pensa che i lavori di costruzione non possano essere completati prima del 2022 .

A parte gli ostacoli di gestione e finanziamento evidenti negli ultimi anni, il progetto del Titanic II sembra andare avanti contro ogni previsione. L’importante è che arrivi ad una conclusione positiva e che soddisfi le aspettative delle persone interessate.

Proprio questa idea è la più intrigante. Perché questa idea di viaggiare nella replica esatta del Titanic è così interessante?

Tenete presente che il Titanic II mira a circumnavigare il mondo, affascinando con il suo passaggio attraverso i porti più emblematici del pianeta. Ma traccerà anche la rotta originale del suo omonimo, navigando da Southampton a New York. Passerà attraverso la zona costiera di Terranova, forse anche nella posizione esatta dell’incidente.

Immaginiamoci, nel più lussuoso Transatlantic Titanic II. Non più una nave così imponente nella sua grandezza, perché di questi tempi siamo abituati a vedere grandi navi. Ma sì per la maestosità della sua memoria che impone quasi un senso di reverenza.

La porta di uno dei tre ascensori di prima classe si apre lentamente davanti a noi. Alle nostre spalle abbiamo lasciato il lussuoso ingresso principale decorato con squisita ispirazione barocca francese.

Titaniic Memorial  stairs barroque ship ocean TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Quando si apre, la sua immagine persiste nella nostra mente, come dimenticarla! La maestosa scalinata imperiale domina la zona di prima classe. In legno di quercia, la sua doppia curva si insinua verso l’alto maestosamente . Nel frattempo, passiamo leggermente le mani sulla ringhiera lussuosamente decorata in oro.

Titaniic Memorial  stairs barroque ship ocean TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Dall’alto, un bagliore eccezionale inonda la stanza di luce. Proprio sopra di noi, una cupola di vetro impressionante si erge tra il sole di mezzogiorno e noi. La porta girevole all’ingresso continua a girare mentre i passeggeri circolano, i suoi bagliori intermittenti dorati attirano l’attenzione dei nostri occhi …

È solo l’inizio di un viaggio, in linea di principio non avrebbe nulla di strano, ma il fatto che sia lo stesso che centinaia di persone hanno iniziato più di un secolo fa e che sono morte prima di raggiungere la loro destinazione lo rende diverso.

Titaniic ship ocean

Perché una persona vorrebbe “letteralmente” rivivere un tragico evento accaduto anni fa?

Le aspettative che il Titanic II si pieni di passeggeri o meno alla sua apertura possono essere diverse, e non c’è dubbio che molti saranno sorpresi dalla massiccia risposta.

Ed è chiaro che un settore importante della popolazione ami le forti emozioni. È come quando andiamo a vedere un film dell’orrore, anche se ci spaventa, sapendo che siamo al sicuro, ci piace. Siamo così.

La cosa curiosa è che all’inizio, le sensazioni associate alla paura non sono di solito insieme a quelle del piacere, ma piuttosto il contrario. La paura è un senso di angoscia provocato come risposta fisiologica che appare quando c’è una percezione del pericolo reale o immaginario.

È un’emozione primaria che hanno tutti gli animali e gli umani, che deriva dalla naturale avversione innata al rischio o alla minaccia della nostra vita. Ecco perché cerchiamo sempre di evitare determinate situazioni che possono rappresentare pericolo o minaccia.

Tuttavia, in un contesto sicuro, siamo disposti a provare quelle emozioni di paura controllata. Perché?

Ci sono molte teorie sul perché siamo attratti da personaggi o situazioni drammatiche. Ovviamente c’è una spiegazione naturale, istintivamente siamo pronti ad identificare situazioni di pericolo o minaccia che ci metterebbero in allarme per un eventuale fuga.

Conoscere ed avere nella nostra memoria le nostre o altrui situazioni è un modo per prepararci meglio e quindi un utile allenamento per la nostra sopravvivenza.

Ciò che non è molto chiaro è il motivo per cui l’esposizione della sofferenza degli altri può arrivare a piacere. È a dir poco strano. Tuttavia è una realtà anche se è contraria alla nostra natura e sembra possa avere una spiegazione scientifica.

Senza entrare in considerazioni troppo morbose . Il gusto per situazioni drammatiche può avere origine dal bisogno che abbiamo di provare emozioni forti.

Titaniic  ship ocean TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Non ci sono emozioni più forti di quelle che minacciano le nostre vite. Il senso di sopravvivenza è l’istinto più importante e più potente che ogni essere vivente abbia. E quindi è evidente che provoca il massimo grado di eccitazione emotiva.

Studi in campo psicologico hanno dimostrato che l’attivazione delle emozioni spesso non è correttamente attribuita agli eventi reali che li provocano.

In altre parole, di solito crediamo che le emozioni che proviamo in un determinato momento sono causate da un evento specifico del presente e non da una situazione passata e talvolta costante che ha attivato le nostre emozioni gradualmente.

È l’esempio tipico della goccia che fa traboccare il bicchiere. Incolpiamo la nostra rabbia o l’emozione accentuata ad un evento presente, l’ultimo. Quando in realtà le nostre emozioni sono già state caricate prima da uno o più eventi. Queste a poco a poco nel tempo si sono accumulate.

Di solito attribuiamo erroneamente l’emozione precedente solo a quella corrente.

È quello che viene chiamato il trasferimento delle emozioni. Trasferire l’eccitazione di un’emozione passata intensifica la reazione emotiva del presente.

Il grado di intensità dipende dalla grandezza dei residui esistenti. Più sono i ricordi emotivi, più intensa sarà l’emozione nel presente. Quindi, più informazioni raccogliamo da un evento passato, più dettagli e più importanza viene data a questo fatto, maggiore è l’intensità delle emozioni che potremmo avere quando la ricordiamo.

La reazione ad uno stimolo può intensificare la reazione a un altro. Anche uno già passato e diverso , nostro o di qualcun altro. Il grado di attivazione lo trasciniamo, per così dire, da un contesto all’altro. Dal passato al presente. Questo è il motivo per cui possiamo essere eccitati nel ricordare eventi passati, che siano nostri o se siano stati vissuti da altre persone.

Naturalmente, tutto quanto detto sopra non spiega ancora la gioia che proviamo nel ricordare eventi drammatici. Sembra che esista una spiegazione scientifica : l’incostanza dell’attivazione emotiva.

Come tutti sappiamo , una certa instabilità emotiva è evidente nell’essere umano, sia dalla complessità dei nostri sistemi cognitivi naturali e normali , sia da specifici disturbi psicologici.

TITANIC  ocean TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Ma questa incostanza è piuttosto una tendenza alle interferenze, all’inerzia che abbiamo nel rapido cambiamento delle nostre emozioni. È ciò che provoca che una sensazione di paura muti in una di sollievo o che l’angoscia di una situazione si trasformi in tranquillità e persino piacere. Con solo un cambiamento nell’aspettativa o nella situazione, possiamo cambiare rapidamente le nostre emozioni in modo contrario e definitivo.

Ciò darebbe una spiegazione logica e comprensibile del fatto che ci sono persone che godono di eventi drammatici che sono effettivamente accaduti in passato.

Il fatto di rivivere una drammatica situazione in tutta sicurezza offrirebbe loro un’intensità unica ed eccezionale di emozioni, ma trascinate come abbiamo detto ad un’emozione positiva di godimento, che aumenterebbe drammaticamente l’emozione.

Più è il carico emozionale, anche se drammaticamente posto nei ricordi di un evento passato, maggiore sarà l’intensità emotiva che causerà nel riaccenderli nel presente. Di conseguenza se si fa questo con un cambiamento positivo, in questo caso quello della piena sicurezza di sopravvivere, la paura che nel passato ha causato l’evento diventa gioia nel presente.

È come quando vediamo un film horror al cinema, forti emozioni che se fossero reali non ci piacerebbero perché minaccerebbero la nostra vita, ma nella sicurezza della finzione, le trasformiamo in piacere. Perché abbiamo eliminato la minaccia alla nostra sopravvivenza.

Una volta che abbiamo messo in luce questa ambiguità che non capivamo, ce n’è un’altra ancora più sorprendente.

Essendo esseri intelligenti come diciamo che siamo noi umani, come non capire l’importanza di superare noi stessi in questi nostri limiti psicologici e mettere le nostre piacevoli ma fittizie emozioni davanti al valore delle emozioni reali subite da altre persone nel passato?

Titaniic Memorial ship TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Una cosa è l’empatia emotiva e la solidarietà umana di fronte a situazioni tragiche, la naturale curiosità di voler conoscere eventi attuali o passati, aumentare la nostra conoscenza e la nostra esperienza collettiva; e un altro è la strumentalizzazione delle emozioni umane per scopi commerciali.

Dov’è il limite tra una dignitosa commemorazione rispettosa e il sensazionalismo e l’avidità delle aspettative della fama e il successo di un evento simile, come la possibilità di rivivere la drammatica notte del Titanic?

La stessa storia del Titanic è piena di atti contraddittori tra azioni eroiche come quella del capitano Edward John Smith fino al saccheggio improprio del relitto sommerso della nave.

Titaniic Memorial At Belfast City Hall TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE
Titanic Memorial At Belfast City Hall

Come in ogni cosa, spetta a ciascuno di noi dare un trattamento rispettoso ed empatico o semplicemente lasciarci condurre dal nostro lato ambiguo alle nostre emozioni più intense ma meno umane.

CHE NE PENSI SU QUESTO TEMA? SE VUOI ESPRIMERE IL TUO PUNTO DI VISTA, LASCIA IL TUO COMMENTO QUI SOTTO!


TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE TITANIC II : LA STORIA SI RIPETE

Curiosities

Top 10